Madonna con il Bambino - Pintoricchio

Home > Dipinti > Madonna con il Bambino - Pintoricchio

Bernardino di Betto Pintoricchio  (Perugia 1454 – Siena 1513)

Madonna con il Bambino

Tempera su tavola    57 x 43 cm   
Eseguito alla fine del XV sec.

Opera soggetta a decreto di notifica (D.M. 132076 del 11/10/1990)

Opera di grande valore stilistico e iconografico, è tipica della mano del Pintoricchio nonostante non vi sia traccia di essa nei documenti antichi e databile con una certa sicurezza agli ultimi anni del Quattrocento, quando il grande maestro fu incaricato dalla famiglia Bufalini di affrescare la loro cappella nella chiesa romana di S. Maria in Aracoeli. La tavola difatti presenta delle affinità con  alcuni dipinti risalenti al medesimo periodo. Ad esempio la figura del Gesù Bambino, snello e sgambettante con lo sguardo rivolto verso il basso, riprende quello ritratto negli affreschi della Cappella Eroli del Duomo di Spoleto. Una commissione, quest’ultima, descritta da Giorgio Vasari nelle sue biografie, come il primo lavoro completamente indipendente eseguito dal Pintoricchio. 

La presenza di alcune imbarcazioni ormeggiate in un golfo visibile sullo sfondo del dipinto e la stella appuntata sul manto della Vergine all’altezza del cuore sono gli attributi Maria come “Stella Maris”, la protettrice di coloro che andavano per mare. Iconografia di grande significato, perché collega questa composizione all’antico tema delle litanie della Vergine, assumendo così la valenza metaforica di  approdo sicuro per le anime dei credenti.

 

È il periodo forse più alto del maestro che veniva dall’esperienza della Cappella Sistina ed era in stretto contatto con l’altro grande protagonista dell’arte umbra del Quattrocento, il Perugino del quale il Pintoricchio fu a lungo considerato semplicemente (e ingiustamente) un semplice allievo.

In seguito a importanti studi condotti nell’Ottocento, La fama di Bernardo di Betto come Maestro, venne giustamente ristabilita. Questo lungo oblio fu probabilmente determinato dal fatto che Pintoricchio lavorò relativamente poco per gli ordini religiosi, ma scelse invece di sperimentare fucine di cooperazione con altri pittori umbri e laziali del panorama quattrocentesco. Rispetto al Perugino, egli fu fra i primi a liberare le sue composizioni dagli schemi “giotteschi” che dominavano la scena artistica centroitaliana fin dal Trecento, cercando di conferire al paesaggio un ruolo determinante per l’estensione in profondità del dipinto. E fu proprio con gli affreschi della Cappella Bufalini che Pintoricchio scompigliò la prospettiva lineare fiorentina.  Del Pintoricchio in quest’opera c’è tutta la delicatezza e l’intimità di espressione che lo resero famoso e rispettato come uno dei grandi maestri della storia dell’arte occidentale.

 



Gallery